• Festa della Toscana

    IMG_4060

     

    No alla pena di morte, No al terrorismo. L’attualità della pena di morte interroga ognuno di noi, in questo particolare momento che stiamo vivendo e ancor più in questo giorno particolare per noi toscani, in cui si festeggiano i 249 anni dall’abolizione della pena di morte da parte di Pietro Leopoldo. Ad oggi, 103 paesi l’hanno abolita ma altrettanti ancora no, tra questi Cina, Stati Uniti, Iran. In altri 37 la pena di morte è prevista ma fortunatamente non si applica da 10 anni. Per non parlare di torture, pene corporali e procedimenti sommari, che sono sotto l’occhio vigile dell’Europa. La Toscana continua ad essere regione di civiltà, tolleranza, dialogo, animazione per la pace.

  • Giornata del ringraziamento di Coldiretti

    IMG_4040 IMG_4038 IMG_4042

    “Senza suolo fertile non c’è vita, senza suolo fertile non c’è futuro”. E’ il messaggio di Papa Francesco rilanciato nel corso della Giornata del Ringraziamento, la tradizionale ricorrenza organizzata dalla Coldiretti di Arezzo domenica 29 novembre nel Santuario di Santa Maria del Sasso a Bibbiena, come simbolica conclusione dell’annata agraria.Un appuntamento molto sentito dal mondo agricolo. Gli agricoltori che hanno un ruolo decisivo quali produttori di cibo ma anche come custodi del paesaggio e delle acque superficiali. La benedizione dei prodotti della terra, con pane, olio, vino, frutta e ortaggi ha rappresentato il giusto omaggio al lavoro degli agricoltori della Coldiretti di tutto il nostro territorio.

  • Nuova sede Asl a Siena ? Tutti contro Scaramelli

  • Un gesto simbolico per dire forte il nostro no

    Ogni donna vittima di violenza, prima che qualcuno ponesse fine alla sua vita, occupava un posto, nelle istituzioni, nei mezzi pubblici, nel lavoro, a teatro, al cinema.

    Un posto che ora è stato cancellato brutalmente, indegnamente.

    In Consiglio regionale vogliamo ricordare tutti questi posti rimasti vuoti e tutte queste donne, un gesto simbolico ma significativo, per dire forte il nostro no a un fenomeno gravissimo e ancora troppo diffuso e ribadire il nostro impegno per contrastarlo e prevenirlo.

    “Per tutte le violenze consumate su di Lei, per tutte le umiliazioni che ha subìto, per il suo corpo che avete sfruttato, per la sua intelligenza che avete calpestato, per l’ignoranza in cui l’avete lasciata, per la libertà che le avete negato, per la bocca che le avete tappato, per le ali che le avete tagliato, per tutto questo: in piedi Signori, davanti a una Donna!“  

    William Shakespeare

  • 10° Forum Risk Management

    Ho aperto, in qualità di Vice Presidente del Consiglio Regionale Toscana i lavori del 10 ° Forum Risk Management. Il Forum è “l’evento” della sanità italiana in tema di rischio clinico e di applicazione di buone pratiche; correttamente Giannotti, gran patron dell’evento, l’ha definito l’ Agorà della sanità. Il Forum è il luogo dove esiste realmente uno scambio di esperienze tra tutti gli attori della sanità. Appropriatezza delle cure, razionalizzazione delle risorse con un occhio sempre vigile sui più deboli. Gli anziani e i bambini sono i soggetti che mi stanno particolarmente a cuore. Per tutelare tutti è necessaria una riforma della salute seria come quella che stiamo portando avanti in Regione. Il 10 Forum è sicuramente,  il teatro di un confronto, che in questo momento storico è, a mio modo di vedere, fondamentale.

  • Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, domani “Posto occupato” in Consiglio regionale

    La vicepresidente De Robertis (Pd): “Un gesto simbolico per dire forte il nostro no”

    “Ogni donna vittima di violenza, prima che qualcuno ponesse fine alla sua vita, occupava un posto, nelle istituzioni, nei mezzi pubblici, nel lavoro, a teatro, al cinema. Un posto che ora è stato cancellato brutalmente, indegnamente. In Consiglio regionale vogliamo ricordare tutti questi posti rimasti vuoti e tutte queste donne, un gesto simbolico ma significativo, per dire forte il nostro no a un fenomeno gravissimo e ancora troppo diffuso e ribadire il nostro impegno per contrastarlo e prevenirlo”.

    Così Lucia De Robertis, vicepresidente dell’assemblea toscana, che si è fatta portavoce della sensibilità espressa da molte colleghe, portando in ufficio di presidenza la decisione di aderire alla campagna “Posto occupato”, in occasione della giornata contro la violenza sulle donne di domani 25 novembre.

    “Insieme alle consigliere Ilaria Bugetti, Fiammetta Capirossi, Ilaria Giovannetti, Titta Meucci, Alessandra Nardini, Serena Spinelli e Valentina Vadi, in accordo con la vicepresidente De Robertis – aggiunge la vice capogruppo del Pd Monia Monni -, abbiamo deciso di promuovere la campagna “Posto occupato” in Consiglio regionale. I dati ci confermano che si deve fare ancora molto sul tema della violenza sulle donne e che nessuno, a partire dalle Istituzioni, può abbassare la guardia. Sono 152 le donne che, nel 2014, sono state uccise in Italia. Di queste, 35 per mano criminale e 117 nell’ambito famigliare ossia per mano di chi diceva di amarle”.

    “E’ per questo che domani vogliamo ricordare tutti i posti rimasti vuoti, a casa, al lavoro, nei mezzi pubblici, a teatro, al cinema, dopo che le donne che li occupavano sono state barbaramente uccise. Oltre al gesto simbolico stiamo facendo molto anche in Consiglio regionale con azioni concrete che hanno visto convergere maggioranza ed opposizione, come ad esempio la mozione sulla violenza sui treni o quella per valorizzare i centri antiviolenza. Domani saremo tutti uniti per ricordare e per affermare, con sempre maggior determinazione, il nostro quotidiano impegno contro la violenza sulle donne”.

  • Carabinieri in festa, celebrata la “Virgo Fidelis”

    Nella cattedrale di Arezzo è stata officiata da Monsignor Riccardo Fontana una messa con la quale i Carabinieri del comando provinciale di Arezzo hanno celebrato la “Virgo Fidelis” , patrona dell’Arma dei Carabinieri. Grazie per l’impegno ragazzi. Con voi ci sentiamo più sicuri.

  • Giovani e Green Economy.

    Giovani e Green Economy. Alternativa scuola e lavoro nella mobilità europea. Opportunità per molti giovani

  • Special Olympics: il grazie del Consiglio agli atleti toscani

    La delegazione che ha partecipato ai Giochi mondiali di Los Angeles è stata ricevuta in sala Gonfalone di palazzo Panciatichi. Suoni e colori della Toscana a Los Angeles hanno riscaldato l’atmosfera in sala Gonfalone di palazzo Panciatichi, grazie ad un video ma soprattutto all’impegno di un gruppo di giovani atleti toscani che l’estate scorsa – dal 25 luglio al 2 agosto in America – hanno partecipato ai Giochi mondiali Special Olympics.
    “Siamo orgogliosi di voi, ci avete strappato un sorriso e vi siete divertiti, misurandovi nelle discipline più varie, dalla Ginnastica ritmica al Volley unificato, dall’Equitazione al Bowling e alle Bocce”, ha affermato la vicepresidente dell’Assemblea toscana Lucia De Robertis, che salutò gli atleti in partenza per Los Angeles e che oggi li ha incontrati ancora. “Grazie a tutti voi, alle vostre famiglie e a chi ha creduto in voi – ha concluso – guardando allo sport come inclusione sociale”.
    Sulla stessa lunghezza d’onda l’assessore regionale Stefania Saccardi: “Grazie per aver vinto tante medaglie e per essere andati alla grande – ha detto – il vostro impegno dà tanta soddisfazione alla nostra Regione e rientra nelle scommesse su cui la Toscana crede: lo sport come integrazione sociale e veicolo di valori veri”.
    La delegazione toscana degli Special Olympics ha riunito tutti in sala Gonfalone: consiglieri, dipendenti, familiari e amici, in un girotondo di calorosa partecipazione.
    In prima posizione Angela, Gianni, Manuel, Loretta, Silvano e Sofia, gli atleti speciali che hanno ricevuto il gagliardetto del Consiglio regionale e si sono impegnati a continuare a tenere alto il nome della Toscana nello sport. “Vincere è bello e indimenticabile – ha confessato Sofia – l’esperienza del mondiale è davvero unica”. Ma ciò che è unico, più di ogni altra cosa è credere in questi atleti speciali, che aiutano a guardare il mondo con occhi diversi.

  • Fusione dei comuni. Via al referendum

Pagina 1 di 212