• CONTRIBUTI REGIONALI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO PER L’ATTIVITA’ COVID: DOMANDE ENTRO IL 13 LUGLIO

    Pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana del 25 giugno l’avviso pubblico per l’erogazione di contributi regionali alle organizzazioni di volontariato e alle associazioni di promozione sociale, iscritte ai registri del Terzo settore della Regione Toscana, con sede operativa in Toscana, volti a sostenere le attività da queste poste in essere, anche tutt’ora in corso, in conseguenza all’emergenza determinata dall’epidemia di COVID 19, in favore di persone e famiglie in condizioni di vulnerabilità e fragilità sociale e per supportare coloro che devono permanere a domicilio.

    Queste le attività per le quali il contributo regionale è concedibile:

    • acquisto e consegna al domicilio o presso la sede del servizio dell’ente del terzo settore o nelle sedi apposite approntate dalla protezione civile e/o dal Comune o alle persone ospedalizzate o in isolamento di beni di prima necessità, farmaci, prodotti alimentari, prodotti per igiene e profilassi o supporto per preparazione/confezionamento di pasti;

    • acquisto e distribuzione presso la sede del servizio dell’ente del terzo settore o con consegna a domicilio di beni di consumo per la manutenzione ordinaria della casa per le fasce di popolazione più debole (a titolo esemplificativo: lampadine, flessibili, rompigetto, piccola manutenzione casalinga);

    • acquisto pasti per le mense sociali, per i dormitori e per le strutture di accoglienza;

    • acquisto di dispositivi atti a garantire la sicurezza delle persone che operano in situazioni di prossimità, secondo le normative vigenti, compresa la sanificazione degli ambienti;

    • acquisto strumenti tecnologici per facilitare la comunicazione personale con l’esterno (ad es. tra gli anziani e i familiari, tra i detenuti e i familiari o per la didattica a distanza);

    • accompagnamento ed attività socio educative al domicilio e/o in esterno per persone disabili, per minori e persone in situazione di fragilità (anche figli/e di donne che subiscono violenza) anche inserite in strutture di accoglienza residenziali a carattere sociale, socio assistenziale e socio educativo previste dal Regolamento 2/R, di cui al DPGR 9/1/2018, nonché alle case famiglia multiutenza di cui alla DGR 1666 del 23/12/2019;

    • interventi di tipo socializzante e ludico ricreativo per minori, che possono comprendere l’utilizzo di personale e/o l’acquisto di materiali e di idonea strumentazione informatica, direttamente finalizzati alla realizzazione della attività stesse;

    • servizi telefonici dedicati (spese telefoniche), trasporto verso servizi del territorio, presidi sanitari o verso altre strutture di accoglienza (rimborsi km);

    • spese per strutture alloggiative per persone senza dimora attivate a seguito dell’emergenza sanitaria;

    • assistenza agli animali d’affezione appartenenti ad utenti in quarantena o ospedalizzati di cui alle Linee guida per la gestione di problematiche legate agli animali d’affezione in corso di emergenza COVID 19 (DCCS Settore Prevenzione collettiva prot. AOOGRT/PD Prot. 0134225 Data 08/04/2020).

    Le domande devono essere presentate esclusivamente online entro il 13 luglio 2020. L’applicativo da utilizzare è disponibile nel portale https://open.toscana.it/servizi

    Complessivamente le risorse disponibili ammontano a 2.360.682 euro.

Comments are closed.