• Rifiuti “Per settore orafo aretino si apra un tavolo specifico”

    Nel dibattito odierno del Consiglio regionale della Toscana, che fa seguito alla comunicazione della Giunta sul tema dei rifiuti, interviene la vicepresidente del Consiglio regionale Lucia De Robertis, chiedendo l’apertura di uno specifico tavolo per il distretto orafo aretino. “Esistono già, – spiega De Robertis – aziende sul territorio con competenze innovative, riuscendo a trattare ogni anno tonnellate di scarti da cui ricavare nuovo oro da reimmettere sul mercato. Un’attività possibile grazie a processi complessi e tecnologicamente avanzati, che meritano l’attenzione ed il sostegnPenso soprattutto alla necessità di uno strumento di governo del processo di gestione dei rifiuti prodotti dall’industria dei metalli preziosi nel distretto orafo aretino, dove insistono oggi oltre 1.200 imprese e quasi 8000 addetti, una fetta importante dell’export di settore a livello nazionale. circa del 30%” .o di tutti gli attori istituzionali presenti nel territorio. Possiamo evitare che miniere e territori vengano sventrati riutilizzando oro che altrimenti finirebbe nel ciclo dei rifiuti, un grande sforzo di modernità, su cui investire con convinzione, possibile soltanto con il contributo responsabile di tutti noi”. Penso soprattutto alla necessità di uno strumento di governo del processo di gestione dei rifiuti prodotti dall’industria dei metalli preziosi nel distretto orafo aretino, dove insistono oggi oltre 1.200 imprese e quasi 8000 addetti, una fetta importante dell’export di settore a livello nazionale. circa del 30%” .

Comments are closed.