• 29 gennaio Consiglio solenne per il Giorno della Memoria

  • 23 e 24 luglio gli atti all’esame dell’Aula

  • Inaugurazione nuova Tac pronto soccorso Ospedale San Donato di Arezzo

  • 75° Anniversario della Strage di San Polo

    14 luglio 1944. Strage di San Polo. Furono uccise 65 persone fra partigiani e civili, compresi bambini, donne ed anziani. Fu un eccidio compiuto da militari tedeschi che agirono con odio disumano. Meditate gente meditate. L’odio tra uomini porta solo morte. Meditiamo gente meditiamo. #restiamoumani
  • 700.000 euro per la sicurezza stradale per la Provincia di Arezzo

    Regione Toscana. arrivano 4 milioni di euro per la sicurezza stradale. Progetti finalizzati a prevenire gli incidenti, regolare il traffico, riqualificare il sistema viario, creare percorsi e corsie preferenziali per bici e pedoni, mettere in sicurezza la viabilità a due ruote. Nella nostra provincia finanziati interventi per 700.000 euro a Bibbiena, Bucine, Castiglion Fiorentino, Foiano della Chiana, Pratovecchio Stia, San Giovani Valdarno, Arezzo, Cortona,Laterina – Pergine Valdarno e Subbiano.
  • 75° Anniversario strage del Mulinaccio

    6 luglio 1944. Eccidio del Mulinaccio. I tedeschi quel pomeriggio presero tutti gli uomini, li fecero mettere in fila e camminare verso il Castro che attraversarono al guado del Mulin Vecchio. Passato il torrente li uccisero a scariche di armi da fuoco: erano 15 civili inermi. Costruiamo ponti e non muri. Tutto questo odio che manifestiamo pensando di essere PRIMA di qualcun altro può farci tornare indietro al quel terribile periodo.
  • Il Rapporto IRPET sul turismo in Toscana

    L’analisi della congiuntura 2018

  • Una nuova policy per la scuola che promuove la salute

    Recepito dalla Regione l’accordo Stato – Regioni con gli indirizzi per policy integrate per la scuola che promuove la salute

  • 75° anniversario eccidio di Civitella – Cornia e San Pancrazio

    Ricordare è un dovere. Il dovere più grande è adoperarsi perché non accada più

  • Conferenza Stampa presentazione Men/Go Music Fest

    Musica, eventi letterari e cinema saranno protagonisti ad Arezzo, dal 9 al 13 luglio con il Men/Go Music Festival. La rassegna, giunta alla XV? edizione e presentata questo pomeriggio a palazzo del Pegaso, si pone l’obiettivo di promuovere la musica e i gruppi emergenti del territorio. Si tratta di una kermesse che, in cinque serate a ingresso gratuito, riunisce una selezione del meglio della musica italiana live del 2019. Men/go Music Festival ad Arezzo “Un evento di grande richiamo che accompagna tante sensibilità – ha detto la vicepresidente del Consiglio regionale Lucia De Robertis – un festival multidisciplinare e un’occasione per stare insieme nella bellezza della città”. “Da una piccola manifestazione di quartiere – ha aggiunto la vicepresidente – nata per valorizzare le band aretine e non solo, è diventato un evento che va oltre i confini provinciali”. Come ha ricordato il direttore della Fondazione Guido D’Arezzo, Roberto Barbetti si parla di “un’iniziativa che si propone come punto di riferimento nel panorama musicale indipendente e promotore della diffusione della musica e della creatività giovanile”. Oltre al programma musicale, che si contraddistingue per eterogeneità e trasversalità, ad arricchire le serate ci saranno incontri, presentazioni e dibattiti letterari e cinematografici. Sono infatti confermate le edizioni parallele del Men/go cult, il palco letterario del festival nel cuore di piazza Grande e di Men/go cinema all’arena Eden. Tra gli appuntamenti in programma: l’8 luglio Giacomo Ferrara sarà presente alla proiezione del film “Guarda in alto” di Fulvio Rusileo, di cui è protagonista, mentre domenica 14 il regista di culto Abel Ferrara presenterà “Alive In France”. Al via i concerti martedì 9, con la Energy Night by Estra e poi, il 10, sul palco i Fast Animals and Slow Kids; l’11 sarà la volta di Franco 126 mentre il 12 luglio protagonista della serata sarà Motta. Ultima serata, sabato 13, con gli Zen Circus. A chiudere la rassegna sono stati chiamati i Teppa Bros per un dj set che avrà come ospite Lodo Guenzi. Per tutta la settimana saranno inoltre organizzate visite guidate della città e delle principali mostre e musei: il programma è consultabile sul sito www.mengomusicfest. Il festival è organizzato dall’associazione culturale senza scopo di lucro Music!, con il patrocinio e contributo della Regione e del Consiglio regionale, del comune di Arezzo, delle fondazioni “Guido D’Arezzo” e “Arezzo Intour”, della Camera di Commercio di Arezzo e di la collaborazione di Confcommercio Arezzo. All’incontro con i giornalisti erano presenti anche il consigliere regionale dell’Ufficio di Presidenza Marco Casucci, il presidente di Estra Francesco Macrì, il presidente dell’associazione Music, Paco Mengozzi e il segretario generale della Camera di Commercio di Arezzo, Giuseppe Salvini.
  • Clinica di Riabilitazione Toscana : presentato in Consiglio il Bilancio sociale 2018

    È stato presentato questo pomeriggio, a palazzo del Pegaso, il bilancio sociale 2018 della Clinica di Riabilitazione Toscana, la struttura di Terranuova Bracciolini in provincia di Arezzo, specializzata in prestazioni di ricovero e cura, nonché ambu¬latoriali, accreditate convenzionate con il Servizio sanitario nazionale. “Il senso di ospitare un’iniziativa come questa nella prestigiosa sede del Consiglio regionale – ha detto la vicepresidente Lucia De Robertis – è quello di testimoniare l’attenzione della Regione nei confronti di realtà come la Clinica di Riabilitazione Toscana ma anche del metodo della buona prassi che qui viene portato avanti. Non è, infatti, così scontato che strutture sanitarie provino ad essere innovative sia dal punto di vista gestionale che per l’impegno nella ricerca”. La vicepresidente ha ribadito l’importanza del “metodo di apertura” della clinica, della trasparenza “nei confronti dei cosiddetti portatori di interesse, dei cittadini. E’ un modo per mettersi a nudo e aprire le porte della propria casa”. “Si tratta di una realtà pubblico-privato che rappresenta un’eccellenza della filiera della salute dove il cittadino è al centro dell’attenzione. E’ proprio nel bilancio sociale – ha concluso – che si legge la percezione dei pazienti e dei loro familiari”. Riguardo alla compagine societaria, la novità del 2018 è stato l’ingresso, con il 5 per cento delle quote dell’Azienda Universitaria Ospedaliera Senese così la clinica si conferma una società per azioni, a prevalente capitale pubblico, controllata al 59per cento dall’Azienda USL Toscana Sud Est e per le restanti azioni dall’ICS Maugeri SB (19per cento), dal Comune di Terranuova Bracciolini (17per cento). Presentazione del bilancio sociale della Clinica di Riabilitazione ToscanaIn questa realtà, inserita nella rete riabilitativa dell’Azienda USL Toscana Sud Est, è possibile attuare l’intero percorso clinico assistenziale di riabilita¬zione: ricovero di alta specializzazione per gravi cerebrolesioni acquisite, ricovero di riabilitazione ospedaliera per pazienti con patologia neurologica, ortopedica, cardiologica, ricovero di riabilitazione extraospedaliera residenziale e semiresidenziale e anche trattamenti ambulatoriali e domiciliari. Uno spazio significativo, nel bilancio sociale, trova l’attività di ricerca. “Con il nostro centro – ricorda la dottoressa Laura Abbruzzese – nato a gennaio 2018, si vuole di implementare un’attività di ricerca scientifica che mira a nuovi trattamenti riabilitativi, focalizzati sulle specifiche difficoltà che un paziente può presentare in seguito ad un evento cerebrale e a implemen¬tare nuove metodologie di cura. Ci occupiamo di attività di ricerca neuroscientifica traslazionale, ovvero orientata all’applicazione dei risultati ot¬tenuti al miglioramento della cura dei pazienti”. “Il cambio di passo di questi ultimi anni – sottolinea il direttore generale Antonio Boncompagni – è dato dal valore che l’azienda assegna alla ricerca e al bilancio sociale 2018, un utile strumento integrativo di quello di esercizio. Il nostro motto è quello – ha concluso – di prevenire la progressione della disabilità attraverso la riabilitazione”. Presente all’incontro con i giornalisti anche il dottor Gaetano Scognamiglio.